Taiwan afferma che la regina di bellezza Miss Taiwan Kao Man-jung non è autorizzata a sventolare la bandiera del paese in Malesia

Taiwan afferma che la regina di bellezza non è autorizzata a sventolare la bandiera del paese in Malesia

I media taiwanesi hanno riferito che Kao è stata fermata proprio mentre stava per salire sul palco. (File)

Taipei:

Taipei ha accusato la Cina mercoledì di aver fatto pressioni sugli organizzatori di un evento commerciale malese per impedire a una regina di bellezza taiwanese di sventolare la bandiera dell’isola sul palco.

La signorina Taiwan Kao Man-jung è stata fotografata mentre piangeva mentre altri concorrenti in un concorso di bellezza apparivano sul palco durante la cerimonia di apertura del Congresso mondiale sull’innovazione e la tecnologia (WCIT) del 2022, secondo le autorità taiwanesi.

“La Cina ha fatto pressioni sugli organizzatori malesi per vietare a Miss Kao di tenere la nostra bandiera nazionale sul palco”, ha affermato il ministero degli Esteri di Taiwan, aggiungendo di aver incaricato il suo ufficio di rappresentanza in Malesia di presentare una denuncia formale agli organizzatori.

Pechino considera l’isola democratica autogovernata come parte del suo territorio da prendere un giorno, con la forza se necessario. Si irrita per qualsiasi riconoscimento internazionale di Taiwan e spesso reagisce con rabbia per l’esposizione della sua bandiera in occasione di eventi internazionali o da parte di celebrità straniere.

Il ministero degli Esteri di Taiwan ha affermato che tale repressione “non farebbe altro che disgustare ancora di più il popolo taiwanese e la comunità internazionale” e ha accusato Pechino di aver messo in atto “azioni vili”.

I media taiwanesi hanno riferito che Kao è stata fermata proprio mentre stava per salire sul palco, mentre altri concorrenti sono stati visti sventolare le bandiere dei loro paesi.

L’AFP ha contattato il WCIT per un commento.

Celebrità tra cui le pop star statunitensi Madonna e Katy Perry hanno acceso l’ira in Cina in passato per aver mostrato la bandiera di Taiwan, che Pechino vede come una dimostrazione di sostegno all’indipendenza dell’isola.

Nel 2016, un’adolescente cantante K-pop taiwanese è stata costretta a scusarsi per aver sventolato la bandiera durante una trasmissione online, il che ha alimentato la rabbia in Cina e le accuse di essere una sostenitrice dell’indipendenza.

Le sue scuse video sono diventate virali il giorno delle elezioni presidenziali di Taiwan del 2016, che hanno visto l’isola eleggere Tsai Ing-wen come prima leader donna con una vittoria schiacciante.

La Cina ha sospeso tutte le comunicazioni con Taiwan dopo la sua vittoria e ha intensificato la pressione militare perché il suo governo non considera l’isola come parte della Cina.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Leave a Comment

Your email address will not be published.