Sylvester Stallone sta per divorziare, ma è un supereroe nel suo nuovo film 'Samaritan'

Sylvester Stallone sta per divorziare, ma è un supereroe nel suo nuovo film ‘Samaritan’

NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Sylvester Stallone sta attraversando un periodo difficile nella sua vita personale, ma questo non gli impedisce di prendere a calci in culo sullo schermo e di attingere al suo supereroe interiore.

I documenti del tribunale rivelano che la moglie di Stallone, Jennifer Flavin, ha chiesto il divorzio dalla star il 19 agosto, dopo 25 anni di matrimonio. Quattro giorni dopo il deposito, la star di “Rocky” ha coperto un tatuaggio sul braccio destro di Flavin, sostituendolo con l’immagine del cane Butkis, che è apparso con lui nei film “Rocky”.

In una dichiarazione a Fox News Digital, Stallone ha dichiarato: “Amo la mia famiglia. Stiamo affrontando amichevolmente e privatamente questi problemi personali”.

LA MOGLIE DI SYLVESTER STALLONE CHIEDE DIVORZIO DOPO 25 ANNI DI MATRIMONIO

Stallone ha anche parlato con Fox News Digital del suo nuovo film “Samaritan”, dove interpreta un supereroe in pensione.

“È un po’ come se Rocky fosse un supereroe. È qualcosa che è identificabile e simile a una strada. Non è ambientato in un universo super fantastico, è ambientato tra mattoni e cemento e situazioni identificabili. Questo è ciò che mi è piaciuto”, ha detto Stallone ad un recente evento stampa. “Non può volare, non può vedere attraverso i muri, il fuoco non esce dalla sua bocca. È solo un supereroe unico. È quasi come un Ercole dei giorni nostri. Penso che quelli siano quelli con cui puoi identificarti. “

Sebbene sia un film di supereroi, la star di “Rocky” afferma che, a differenza di altri film del genere, i pericoli in “Samaritan” sono molto più realistici.

Nel film, il personaggio di Stallone si è lasciato alle spalle i suoi modi di vigilante dopo aver attraversato qualcosa nella sua vita personale e ha deciso invece di intraprendere una carriera che credeva lo avrebbe reso invisibile al pubblico, come uno spazzino. Solo quando il suo vicino, un adolescente, gli chiede aiuto, la sua prospettiva inizia a cambiare e lui si vede di nuovo come un eroe.

“Sento sempre che non c’è niente di così riconoscibile come essere quasi investito da un’auto o camminare in un vicolo buio e c’è un’ombra che si avvicina dietro di te, è molto riconoscibile”, ha spiegato l’attore. “Cerchiamo di rendere gli eventi e il pericolo plausibili e identificabili. Qualcosa di molto tangibile. Non viene da un altro universo, è proprio qui nelle strade… Questo è quello che ho cercato di aggiungere a questo. Un senso di pericolo imminente, ma è vero.”

Stallone interpreta un supereroe in pensione in “Samaritan” al fianco di Javon “Wanna” Walton, che interpreta il vicino che cerca di convincere il suo personaggio a ritirarsi dalla pensione.
(Axelle/Bauer-Griffin/FilmMagic)

Stallone era entusiasta di interpretare un supereroe che era un ragazzo normale, che viveva una vita normale che sembra essere super forte. Ha descritto il suo personaggio come “pedone” e qualcuno a cui potresti sederti accanto sull’autobus “e non sapere nemmeno di essere seduto accanto a un tizio qui che può letteralmente sollevare l’autobus”.

Il vicino adolescente che trascina il suo personaggio fuori dalla pensione è interpretato dall’attore di “Euphoria” Javon “Wanna” Walton, che ha impressionato Stallone con il suo umorismo e il suo talento generale come attore. Ha elogiato Walton per essere venuto sul set con un sorriso ogni giorno, dicendo che ha anche sollevato la sua energia. Stallone dice che “non vedeva l’ora di sedersi lì e iniziare a parlare di spazzatura” con lui ogni giorno.

SYLVESTER STALLONE CHIAMA IL PRODUTTORE “ROCKY” PER LA SUA MANCANZA DI DIRITTI DI PROPRIETÀ

Stallone è rimasto colpito da Walton e ha fatto del suo meglio per rendere il set un posto confortevole per lui.  I due attori scherzavano insieme e creavano una stretta connessione.

Stallone è rimasto colpito da Walton e ha fatto del suo meglio per rendere il set un posto confortevole per lui. I due attori scherzavano insieme e creavano una stretta connessione.
(Rodin Eckenroth/Getty Images)

“Questo ragazzo mi sta solo tirando indietro e dicendo smettila di essere un codardo, sii quello che sei. Salvami. Sii mio padre, è quello che sta dicendo, e io non ho niente”, ha detto Stallone, parlando come il suo personaggio. “È un vecchio solitario che sta andando nell’oscurità. Trova oggetti rotti nella spazzatura, che è il suo simbolo. Potrebbe aggiustare tutto, tranne se stesso. Arriva il giovane, e lui mi aggiusta… poi vedi l’aspetto dell’eroe viene fuori”.

Stallone ha detto di aver fatto del suo meglio per far sentire Walton a proprio agio sul set e creare una connessione con il giovane attore, usando le sue stesse esperienze di attore emergente che camminava sui set cinematografici e si sentiva un po’ intimidito.

“Ricordo la prima volta che sono entrato su un set, c’era Robert Mitchum, o John Wayne. Ti butta fuori dal gioco”, ha spiegato Stallone. “Mi sono messo nella loro posizione e l’ho tenuto leggero, come un bambino. Scherzavo, facevo le cose con umorismo, quindi era completamente rilassato”.

Stallone afferma che, secondo lui, è estremamente importante che le generazioni più anziane trascorrano del tempo con le generazioni più giovani perché le rinvigorisce, dicendo: “afferrano la tua saggezza e tu afferri la loro energia”.

“C’è qualcosa di così corroborante e contagioso in questo ragazzo che è pieno di vita e che vuole solo esplodere”, ha spiegato. “Vuole che tu lo aiuti, lo educhi, lo porti in questo viaggio, quindi in un certo senso sta riportando indietro l’orologio per me.”

SYLVESTER STALLONE SCHERZA CHE DESIDERA CHE LE FIGLIE “Smettano di crescere così alte”

Stallone ha detto il suo "samaritano" il personaggio è simile a come potrebbe essere Rocky come un supereroe, dal momento che il pugile di Philly è solo un ragazzo normale che vive una vita normale.

Stallone ha detto che il suo personaggio “samaritano” è simile a come potrebbe essere Rocky come un supereroe, dal momento che il pugile di Philly è solo un ragazzo normale che vive una vita normale.
(Getty Images)

Quando si è trattato di scegliere un regista, Stallone ha scelto il promettente Julius Avery, noto per “Overlord”, “Son of a Gun” e “Jerrycan”. Stallone ha scelto intenzionalmente un regista più giovane perché credeva che il tipo di film che stavano girando richiedesse qualcuno desideroso di lavorare.

Avendo diretto lui stesso molti film, Stallone conosceva la quantità di lavoro necessaria per completare un film d’azione, ammettendo di arrivare “a un certo punto in cui hanno perso un po’ di velocità” e non vogliono affrontare le lunghe notti e le continue domande ha indicato la loro strada.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER DI INTRATTENIMENTO

“Ragazzi, hanno fame, sbavano, vivono per queste cose. Questo è il loro momento. Il loro testosterone sta uscendo dalle loro orecchie e staranno svegli fino a tarda notte e partoriranno”, ha spiegato . “Ecco perché penso che se hai intenzione di fare quel tipo di film hai bisogno di quel tipo di energia. L’ho fatto nell’altro modo e non ha funzionato molto bene”.

Stallone ha anche chiarito ogni dubbio sul fatto che stia pensando di rallentare e fare un passo indietro rispetto ai film d’azione. Crede che i film d’azione siano importanti quanto qualsiasi altro genere e possano riunire persone di culture diverse. Riconosce la sua esperienza di lavoro su “Rambo” come il momento in cui si è reso conto di quanto siano importanti i film d’azione.

Stallone pensa che i film d'azione siano importanti perché sono film a cui tutti possono relazionarsi, chiamandoli mitologia moderna.

Stallone pensa che i film d’azione siano importanti perché sono film a cui tutti possono relazionarsi, chiamandoli mitologia moderna.
(Reuters)

“È la mitologia moderna. Abbiamo bisogno di queste storie in modo catartico. Ogni società ha bisogno di queste figure… lo vediamo dall'”Iliade”, l'”Odissea” fino ai giorni nostri. Non c’è differenza. È la stessa cosa”, ha detto . “Sono affascinato dall’idea di poter raccontare storie che sono comprese da una cultura, una cultura completa diversa, ma che capiscono completamente perché stiamo provando le stesse emozioni che condivide ogni essere umano sul pianeta”.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

“Samaritan” è ora in streaming su Amazon Prime.

Leave a Comment

Your email address will not be published.