“Se un film non funziona, è perché il contenuto non è buono”

Ranbir Kapoor su Shamshera:

Ranbir Kapoor sembra affascinante in questa foto. (cortesia: yrf)

Nuova Delhi:

Non c’è nessun altro motivo per il fallimento di un film se non che il suo contenuto non è buono, ha detto mercoledì la star di Bollywood Ranbir Kapoor parlando della scarsa performance della sua ultima uscita “Shamshera”. Ranbir Kapoor stava parlando alla conferenza stampa qui per promuovere il suo ultimo rilascio “Brahmastra: Parte prima-Shiva”con la moglie attore Alia Bhatt.

Alla domanda se pensa che i film hindi siano stati trattati ingiustamente negli ultimi tempi, Ranbir Kapoor ha detto: “Darò l’esempio del mio film. Non parlerò di altri film. Qualche settimana fa, il mio film ‘Shamshera’ è stato rilasciato. Non ho sentito alcuna negatività.” “Il film non è andato al botteghino, probabilmente è perché il film non è piaciuto al pubblico. Alla fine, si tratta del contenuto”, ha aggiunto.

In tempi recenti, film hindi tradizionali come quello di Ranveer Singh “Jayeshbhai Jordaar”quello di Akshay Kumar “Bachchan Paandey“, “Samrat Prithviraj” e “Raksha Bandhan”insieme al protagonista di Aamir Khan “Laal Singh Chaddha”non è riuscito a registrare grandi numeri al botteghino.

Ranbir Kapoor, noto per film come “Stella del rock”, “Barfi!” e “Sanju”ha detto che il pubblico sarà intrattenuto solo se gli verranno offerti buoni contenuti.

“Chi non vorrebbe andare al cinema per provare un’emozione diversa, farsi commuovere dai personaggi, divertirsi, farsi una bella risata, piangere e provare qualcosa? Tutti noi vogliamo provarlo. Se un film non funziona, non c’è altro motivo. È perché il contenuto non è buono”, ha aggiunto.

“Brahmastra”diretto dal suo frequente collaboratore e amico intimo Ayan Mukerji, è in lavorazione da molto tempo e ha dovuto affrontare diversi ritardi dovuti a vari motivi.

Ranbir Kapoor ha detto che nessuno, incluso suo padre, la defunta icona del cinema Rishi Kapoor, ha capito cosa ci vuole per fare un film come “Brahmastra”, che è stato montato su un budget enorme ed è carico di effetti visivi.

“È passato così tanto tempo… Nessuno ha capito davvero cosa ci vuole per fare un film come questo perché nessuno l’ha fatto davvero, specialmente le persone che conosciamo.

“Il film va avanti da così tanti anni. Ricordo che quando mio padre era vivo, mentivo sul fatto che stavo girando ‘Brahmastra’. Lo nascondevo e dicevo che stavo girando per qualche altro film”, il Ha detto l’attore 39enne.

Ha anche accreditato Ayan Mukerji, il regista dei suoi due blockbuster “Svegliati Sid” (2008) e “Sì Jawaani Hai Deewani” (2013), per la sua crescita come attore.

“Conosco Ayan dal 2008, quando ha narrato ‘Svegliati Sid’ per me. Non lo conoscevo prima. È qualcuno che è appena venuto e ha raccontato tutta la sua storia. Era seduto per terra e stava raccontando il film per me, dicendo che ci sarebbe voluta solo 1 ora ma ci sono volute 5 ore per narrare quel film.

“Ho davvero sentito quell’energia da un giovane regista ed ero tipo, ‘Wow, questo ragazzo ha davvero una storia da raccontare.’ È appassionato di ogni parola, di ogni personaggio e ho potuto sentire quell’energia. Penso che l’arte riguardi l’energia. Devi sentire l’energia dentro le altre persone”. Kapoor ha detto che è consapevole che non avrà un’altra opportunità per fare un film del genere “Brahmastra” ancora.

“Non è così dopo ‘Brahmastra’, Farò solo questo tipo di film. So che non avrò più un’opportunità come questa. Spero che andando avanti avrò altre opportunità per mostrare altri personaggi diversi che posso interpretare”, ha aggiunto.

“Brahmastra prima parte: Shiva”, che comprende anche la megastar Amitabh Bachchan, Nagarjuna e Mouni Roy, è una produzione congiunta di Star Studios, Dharma Productions, Prime Focus e Starlight Pictures.

Il film uscirà nelle sale in hindi, tamil, telugu, kannada e malayalam venerdì.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è generata automaticamente da un feed sindacato.)

Leave a Comment

Your email address will not be published.