Perché la Cina è l’unico Paese che si attiene alla politica zero-Covid con blocchi

Perché la Cina è l'unico Paese che si attiene alla politica zero-Covid con blocchi

La Cina è l’unica grande economia globale che si attiene a una politica zero-Covid.

Pechino:

Milioni di persone nelle aree circostanti la capitale cinese sono state condannate al blocco martedì, con le autorità che hanno raddoppiato gli sforzi per contenere il Covid-19 prima di una riunione chiave del Partito Comunista al potere quest’anno.

A quasi quattro milioni di persone nella provincia di Hebei, che circonda Pechino, è stato ordinato di rimanere a casa fino alla fine della settimana mentre i funzionari si affrettavano a frenare una piccola riacutizzazione del virus.

E più di 13 milioni nella vicina città portuale di Tianjin devono essere sottoposti a test di massa dalle 6 del mattino (2200 GMT), dopo che sono stati segnalati 51 casi per lo più lievi.

La Cina è l’unica grande economia globale che si attiene a una politica zero-Covid e i blocchi, le restrizioni di viaggio e i test di massa hanno interrotto le attività e rallentato la crescita.

Pechino ha raddoppiato la politica in vista del 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista, previsto entro i prossimi tre mesi.

La gestione della pandemia è ampiamente considerata centrale per l’eredità politica del presidente Xi Jinping, che sarà unto per un terzo mandato senza precedenti durante la riunione.

Ma “l’attuale situazione del Covid in Cina potrebbe peggiorare, poiché Omicron si è diffuso ancora una volta nelle grandi città”, ha avvertito l’analista di Nomura Ting Lu in una nota di ricerca.

Anche Chengdu, la città più grande della Cina occidentale, ha visto rigide restrizioni di viaggio.

E nel centro tecnologico meridionale di Shenzhen, due distretti sono in blocco parziale, mentre il più grande mercato di elettronica del mondo a Huaqiangbei ha chiuso, nonostante nella città siano stati segnalati solo 35 casi giornalieri di oltre 18 milioni.

“L’avviso di chiusura è arrivato all’improvviso, abbiamo avuto solo poche ore per mettere le nostre scorte nei magazzini e rinchiuderle”, ha detto all’AFP un commerciante del mercato tecnologico di Huaqiangbei, che ha offerto solo il suo cognome Chen.

A Futian, dove ha sede il governo cittadino, cinema, bar karaoke e parchi sono chiusi fino a venerdì e sono stati cancellati i grandi eventi pubblici.

I funzionari hanno anche isolato il quartiere di Wanxia, ​​alla periferia della città, che offre alloggi a prezzi accessibili per i conducenti delle consegne e i lavoratori migranti, sebbene non siano stati segnalati casi lì.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

.

Leave a Comment

Your email address will not be published.