Foto Di Documenti Segreti Accatastati Sul Tappeto Trump

Foto Di Documenti Segreti Accatastati Sul Tappeto Trump

Donald Trump ha negato le irregolarità ma non ha offerto alcuna spiegazione credibile del motivo per cui aveva i documenti

Il deposito del Dipartimento di Giustizia contro Donald Trump è stato severo, dicendo che qualcuno nel suo club di Mar-a-Lago potrebbe aver cercato di nascondere o rimuovere documenti riservati prima di una perquisizione dell’FBI questo mese, costituendo un potenziale ostacolo alla giustizia.
È stata un’accusa dannosa contro l’ex presidente, rivelata in un deposito del tribunale alla fine di martedì.

Ma la foto inclusa nel deposito parlava ancora più forte.

“TOP SECRET/SCI” brillava sulle copertine di almeno cinque serie di carte disposte a casaccio sulla moquette. Un altro foglio di copertina in primo piano nella foto del governo diceva “SEGRETO/SCI” e “Contiene informazioni sensibili a compartimenti stagni” — un contrassegno per documenti che includono riferimenti a fonti e metodi, che le agenzie di intelligence fanno di tutto per proteggere.

Per sostenitori e critici dell’ex presidente è stata la prima volta che sono stati visibili i delicati documenti di sicurezza nazionale al centro dell’ultima polemica, anche se il loro contenuto è rimasto riservato.

Complessivamente, sono i tipi di documenti che si trovano normalmente in strutture altamente sicure note nel settore dell’intelligence come SCIF. E sono il tipo di scartoffie che secondo il governo Trump non aveva il diritto o l’autorità da portare con sé quando la sua presidenza si è conclusa.

La foto – che faceva parte della risposta del Dipartimento di Giustizia alle richieste di Trump di far esaminare i documenti da un maestro speciale – potrebbe ulteriormente indebolire l’entusiasmo di alcuni sostenitori chiave per difendere le azioni dell’ex presidente. Normalmente i sostenitori fedeli sono rimasti in silenzio o hanno cercato di deviare le critiche dopo aver inizialmente protestato contro la ricerca dell’FBI come un superamento da parte del DOJ.

Trump ha negato le irregolarità ma non ha offerto alcuna spiegazione credibile del motivo per cui aveva i documenti o non li ha restituiti prima, come affermato dai suoi avvocati. Alcuni dei suoi sostenitori hanno suggerito senza offrire alcuna prova che l’FBI abbia in qualche modo piazzato prove nel club di Trump.

Nella foto del Dipartimento di Giustizia, i documenti erano sparpagliati accanto a lettere o promemoria con carta intestata della Casa Bianca che sembravano oscurati dagli investigatori del governo, nonché a una scatola di banchieri contenente una copia incorniciata della copertina del numero del 4 marzo 2019 della rivista Time, con Trump nello Studio Ovale e una sfilza di potenziali rivali democratici che guardano dalla finestra.

Uno di quei rivali, Joe Biden, ora ha il posto di Trump in ufficio. È l’ex presidente che ora è fuori, con i sostenitori che si chiedono se le ultime polemiche significano che non tornerà mai più dentro.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

.

Leave a Comment

Your email address will not be published.